Il dio che sussurra nella perla

FB_IMG_1436693972962

Il mio nuovo articolo per il blog Hounlibrointesta:

In principio la scrittura è formata da nodi nel Soffio originario, è “sigillo di nube e luce abbagliante”. Si narra che al principio dei tempi un dio recitasse una scrittura chiuso dentro una perla, embrione del mondo. Allora i cieli si arrestarono in un silenzio stupito, perché sapevano che il mondo stava per avere inizio. Questi libri spontanei fatti di puri intrecci di energia, vennero poi trascritti dagli dei in giada su tavolette d’oro, e raccolti in sterminate librerie nei palazzi celesti o nelle cavità delle montagne sacre, in attesa della loro discesa fra gli uomini. Sulla luna vi è un albero da cui germinano libri dai caratteri rosso cinabro, che divorati rendono immortali, in un altro cielo vi è un bosco di libri, il vento che scuote le fronde fa levare il mormorio di una musica sovrumana, se un uccello li becca sul suo corpo appaiono segni scritti, chi raccoglie una piuma di questo uccello ottiene in dono la capacità di volare. La scrittura è in origine luminosa, poi aerea e sottile, poi preziosa e immortale, infine, per condensazione progressiva scende sulla terra e si fa scrittura umana. Molti testi rivelati sono criptici, successioni di formule indecifrabili. Il loro significato è intatto e non disperso, perciò conservano un grande potere trasformativo. Un foglio con la trascrizione di questi segni può essere sciolto o polverizzato e mangiato, per curare malattie o garantirsi buona fortuna. [continua a leggere su http://www.hounlibrointesta.it/2015/07/17/la-nascita-della-scrittura-3-puntata/]